.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


4 dicembre 2007

Cortocircuito

L'anarchico che nel 1875 racconta gli Stati Uniti d'America come il regno del consumismo e dell'anomia, usando probabilmente le parole di qualche pensatore, come spesso in questo romanzo citazionista di Antonio Scurati, entra in cortocircuito con tutta l'argomentazione sulla trasformazione della modernità solida in modernità liquida, svolto da Bauman in questo complesso libro.
E' un puro caso che la mia lettura di questi due libri sia iniziata e finita quasi contemporaneamente: sulla carta, non c'era particolare nesso fra la storia romantica e risorgimentale di Scurati, che si svolge addirittura prima della modernità solida del novecento, e la descrizione di Bauman della modernità liquida, della società sotto assedio del nostro nuovo secolo, frantumata dalla globalizzazione e dal dominio del consumo immediato, pura rincorsa del desiderio continuamente alimentato da stimoli che devono essere immediatamente sostituiti da altri stimoli.
E invece, appunto, è scattato un cortocircuito, come se storie diverse, libri diversi letti per motivi diversi, mi portassero sempre allo stesso filo.
Un filo che ora prosegue, con Outlet Italia di Cazzullo, a scoprire che il raffinato sociologo Bauman e lo svelto giornalista Cazzullo raccontano in parte la stessa storia uno analizzandone i fondamenti, l'altro facendone l'esatta cronaca empirica.
Ma, significativamente, Cazzullo inizia il suo racconto affermando recisamente che il mondo in svendita degli outlet postula la definitiva vittoria dell'avere sull'essere( pag. 5). Bauman, invece, quando si sofferma sulla contraddizione fra avere ed essere, conclude che la modernità liquida risolve quella contraddizione superandola, perché non è tanto l'avere ad aver vinto sull'essere, ma piuttosto entrambi sono sconfitti e superati dall'usare istantaneo, ossia dalla inesausta necessità del consumo moderno a sostituire un oggetto a un altro: non conta avere, conta solo desiderare di avere, usare e buttare via velocemente ciò che si è usato, in questa incredibile società produttrice, prima di tutto, di grandi quantità di rifiuti (pag. 158 e seguenti).
****
Per mia chiarezza, ho costruito due mappe concettuali per fissare parte delle idee di Bauman. In una, c'è uno schema della modernità solida, in una di quella liquida. Non c'è giudizio di valore, un meglio o un peggio nei due modelli. Ma, certamente, tutto il libro finisce per trasmettere una certa angoscia sul presente, perché il suo nucleo essenziale ci suggerisce la pressoché totale impotenza della politica. Una impotenza che porta le persone a non credere a soluzioni collettive, ad affidarsi a "soluzioni biografiche per problemi sistemici". E che spiega la mancanza di obiettivi collettivi, il nichilismo e l'agitarsi diffuso di molti.
Forse, una dose di pessimismo eccessivo, se provo a mettere in cortocircuito un altro libro letto recentemente, quello di Todd sull'impero americano. Dove, oltre a dire tutto il male di molti aspetti della globalizzazione, un pragmatico approccio demografico consente di giungere a conclusioni un po' diverse: alfabetizzazione, istruzione delle donne, lenta rivoluzione demografica, lento aumentare del consumo, sono tutti fattori di promozione sociale reale, che non contraddicono l'aumentare delle differenze sociali all'interno di ciascun paese, ma rendono evidente anche l'aspetto positivo, di emancipazione, dell'avvio di certi processi.
****
Mai come in questo caso, nessuna conclusione definitiva a questo post. Sto solo appuntando pezzi di riflessioni e di idee e, appunto, cortocircuiti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bauman Cazzullo Todd Scurati

permalink | inviato da corradoinblog il 4/12/2007 alle 21:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 ottobre 2007

Qualche buona lettura

I troppi impegni e le troppe cose da fare per iMille e non solo mi impediscono di scrivere molto. Quindi per ora mi limito a consigliare un buon pacchettino di cose interessanti che trovate in rete, pubblicate nel corso degli ultimi giorni:
  • Ugo Bardi, sul blog di Aspo, ci racconta la sua casa ecologica e sopratutto ce ne spiega la logica realistica del vinci-vinci (win win per gli anglofili): una lettura fondamentale che ci richiama alle cose davvero importanti, e scatena la mia invidia.
  • Federica, con cognizione di causa, polemizza con Caldarola ed altri sulla interpretazione di comodo (o comoda interpretazione) secondo cui il PSE era preoccupato per il PD e ora fa buon viso a cattivo gioco.
  • Reichlin va sempre letto, soprattutto quando ci consiglia di porsi problemi di lungo periodo e ci obbliga a riflettere sul governo della mondializzazione. Con un occhio a Bauman.
  • Se volete capire qualcosa del problema della laicità e della chiesa nel mondo moderno, e intuire la contraddizione fra la religione, la modernità solida e la modernità liquida (di nuovo Bauman...), leggete cosa ha detto Stefano Zamagni alle settimane sociali della chiesa (quelle celebri per le frasi del papa sul precariato). Prima o poi, scriverò qualcosa di lungo su questa faccenda...

sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA