.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


11 dicembre 2007

Duel

I camionisti, a differenza dei tassisti, hanno un certo consenso popolare. Perché li immagini affaticati e sudati, perché sai che fanno un lavoraccio. Perché sono più fotogenici e magari perché fanno un po' paura e ti ricordi Duel.
Ma sopratutto perché la loro richiesta principale, la riduzione del prezzo del gasolio, sembra a moltissimi una cosa buona e giusta. Perché l'idea che si debba sterilizzare l'IVA sulla benzina, e ridurre le accise, sta diventando senso comune. Perché si dice e si ripete che se costa di più il trasporto, costeranno di più tutte le merci e ci sarà più inflazione.
Insomma, sembra che protestando aiutino anche noi.
*****
La serrata, il blocco stradale, l'inciviltà del potere di interdizione di una categoria potente, sulle prime, mi hanno fatto pensare che il governo dovesse usare la mano dura, durissima. Sostanzialmente, lo ha fatto, con la precettazione da questa notte. Probabilmente ha fatto bene, perché davvero di categorie che ricattano il paese intero, non se ne può più.
Però, forse sarebbe meglio - una specie di dramma pedagogico - che finisse male, che i camionisti rifiutassero davvero di farsi precettare, passassero alle maniere forti, e che in tutta Italia per qualche giorno non si trovasse più un goccio di benzina, e poche merci, e fabbriche ferme e negozi vuoti.
*****
Forse allora qualcuno si farebbe le giuste domande:
  • I camionisti, come chiunque si trovi in difficoltà economica, hanno soggettivamente ragione. Cercano, come tutti, soluzioni biografiche a problemi sistemici.
  • Ma la soluzione sistemica che servirebbe è proprio, esattamente, quella di aumentare il prezzo del gasolio, o meglio di introdurre una seria e pervasiva carbon tax.
  • La soluzione sistemica che servirebbe è proprio, esattamente, quella di ridurre il numero dei camionisti e dei camion, e trovare un altro lavoro ai nostri bravi e nerboruti operatori del trasporto - che so, una buona idea sarebbe assumerli tutti per guidare una nuova grande flotta pubblica di autobus a metano ed elettrici e così cogliere due piccioni con una fava, e chiudere al traffico i centri urbani più congestionati.
  • La soluzione sistemica che servirebbe è proprio quella di non tentare di alleviare le sofferenze (ammesso che siano davvero così gravi) della categoria, ma di approfittare finalmente di questa ennesima crisi per capire che il tempo è finito, e che se il trasporto in Italia è fra i maggiori responsabili della nostra mostruosa produzione di Co2, e se finiremo per dover pagare miliardi di euro di multe perfino per non aver rispettato il blandissimo trattato di Kyoto, allora non è proprio il caso di continuare a sussidiare una categoria fuori dal mondo, fuori dalla concorrenza capitalistica, ma anche e soprattutto fuori dal nuovo tempo della crisi climatica ed energetica.
*****
Ma siamo un paese specializzato a rimandare le soluzioni serie e trovare tamponi e garze per continuare a chiudere piaghe che si riapriranno. E così temo che la ragion di stato e la forza della corporazione porterà al solito "ragionevole compromesso", e resteremo ancora l'unico paese europeo che trasporta l'85% delle merci su gomma. Almeno fino a che, finalmente, di gasolio non se ne troverà più, e punto.
*****
Sul dettaglio della faccenda, leggetevi cosa dice Pietro Cambi, con il quale concordo al 100%.

sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA