.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


30 giugno 2008

Lo spirito del tempo

Lo spirito del tempo è espresso perfettamente dalla contorta motivazione con cui la Corte di Cassazione ha cassato una sentenza per razzismo contro il sindaco di Verona Tosi: 

Quindi, per la Cassazione credere che tutti gli zingari siano ladri non è segno di razzismo.
Proviamo a sostituire:
tutti gli zingari sono ladri
tutti gli ebrei sono ricchi
tutti gli italiani sono mafiosi
.....

La somiglianza di questo spirito del tempo con quello del razzismo novecentesco è purtroppo impressionante. Il meccanismo è sempre quello eterno del capro espiatorio. Si trova un gruppo colpevole (gli ebrei, gli zingari, gli stranieri, chi volete voi...), si dirige la paura pubblica verso di loro, poi li si usa per far finta di risolvere i problemi e soddisfare la voglia di vendetta di persone sempre più frustrate dalla loro vita quotidiana.

E tanto per chiarire. A quelli che saranno subito proti a contestarmi che comunque c'è davvero un problema di legalità, che davvero molti zingari delinquono, e che quel che è peggio usano i bimbi per farlo, dico che ovviamente sono d'accordo.

Ma per quale motivo io e quelli che la pensano come me dobbiamo sempre essere accusati di sociologismo, di giustificazionismo quando "difendiamo" i rom e le varie minoranze, mentre quelli che giustificano sistematicamente ogni comportamento razzista dei politici o dei miei compatrioti richiamando la realtà o la percezione dell'insicurezza, non devono mai essere accusati di un giustificazionismo uguale e contrario?


16 giugno 2008

Pensierini

L'esercito nelle strade, non per combattere la mafia ma la microcriminalità. Con la stessa spesa, si riorganizzava la polizia o, ancor meglio, si unificavano PS e CC, risparmiando migliaia di uomini che fanno oggi attività duplicate, e li si mandava a controllare il territorio. Ammesso che serva.

*****

Esercito nelle strade, autoblindo in bella vista. ma riconosceremo i soldati veri dai possessori di Hummer?



*****

Città più sicure. Strade deserte di notte, pattugliate da soldati armati. Se cammini da solo, magari ti sparano per sbaglio. Strade affollate, gente che si diverte, movida, niente soldati visibili. Ossia, Roma piena di cultura "effimera". Fino a ieri. Notoriamente, la metropoli più sicura d'Europa proprio perché più movimentata.
Alemanno ci promette meno cultura, meno effimero, meno estate romana. Più autoblindo. Quindi, meno sicurezza. Voilà.

*****

Esercito nelle strade e divieto di processare il premier. Vi ricorda qualcosa?

*****

Lorenzo  Mattotti, che è un vero artista e un vero poeta, aveva già raccontato tutto fin dagli anni '70. Leggetevi o rileggetevi Incidenti. C'è già raccontato tutto ciò che serve per capire dove stiamo andando.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lorenzo Mattotti Sicurezza Esercito

permalink | inviato da corradoinblog il 16/6/2008 alle 17:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


1 giugno 2008

Paura, eh?

Non ho bisogno di scrivere l'ennesimo post, perché c'è un sacco di gente che scrive ben meglio di me cose importanti:
  • In giorni in cui impazza il dibattito sulla sicurezza e sulla paura dello straniero clandestino, che pare l'unica cosa importante per l'Italiano medio, io vi invito caldamente ad avere paura di ben altro: qui c'è una documentata descrizione di ciò ci cui dobbiamo avere davvero paura, un avvitamento del cambiamento climatico che si sta facendo molto più rapido del previsto.
  • E qui ci sono informazioni sul fatto che qualcuno, all'estero, comincia a preoccuparsi, mentre dalle nostre parti ci si balocca con patetici sogni nucleari e si chiede, addirittura, di ridurre gli impegni già presi.
  • Seguire il blog Crisis, dove Debora Billi e Pietro Cambi ci raccontano sia gli aspetti psicologici che quelli scientifici della grande crisi che ci ostiniamo a far finta di non vedere, è attività un po' angosciante ma essenziale se non si vuole ficcare la testa sotto la sabbia.
  • Ma, se proprio siete appassionati dell'agenda politica imposta dalla nostra destra vincente, potete chiarirvi le idee con due post, il primo molto pragmatico e il secondo di vasta profondità storica, che spiegano bene cosa c'è sotto all'ossessione della sicurezza.


14 maggio 2008

Vi siete accorti degli zingari?

La collega sposata e brava madre di famiglia che, quando il discorso cade sull'incendio del campo Rom a Napoli, fa capire di esserne ben contenta. Il collega romanista di sinistra di ramo grillino che, concordemente a sue precedenti battute su Vucinic, conferma il suo odio per gli zingari. La vicina di casa di sinistra che, parlando del giovane e maneggione candidato al Comune per il PDL, boss degli ambulanti romani, ne spiega la scarsa qualità morale facendo notare che viene da una famiglia di zingari ripuliti. Battute, sicuramente.
Però sono battute che mi ricordano esattamente quelle che di quando in quando sento sugli ebrei, anche dalle persone più insospettabili. L'eterno "per carità, io non sono razzista, ma certo gli ebrei sono proprio fatti a modo loro, e la lobby ebraica esiste eccome...". O la variante "di sinistra": "io non ce l'ho con gli ebrei, ma Israele è uno stato razzista".
Qui, dato che i Rom sono brutti sporchi e cattivi (il ché è certamente vero, tra l'altro) e non affascinanti come i palestinesi per la sinistra radicale, il discorso diventa più o meno: "per carità, io non sono razzista, ma quelli sono tutti delinquenti e quindi se ne devono andare". Ma, sotto questo tipo di discorsi apparentemente moderati, è già possibile sentire quelli più direttamente feroci, come gli urli allucinati di una donna napoletana, in un dialetto quasi incomprensibile, ascoltati in un giornale radio.

Gli assalti e le proteste di Napoli e Genova sono la perfetta dimostrazione che i propositi bellicosi del governo e la sollecitazione politica  della paura sono, come prevedibile, utilissimi a fomentare ogni razzismo latente nella nostra società.
Ma, soprattutto, sono la dimostrazione che questo razzismo già non è più latente, e non vede l'ora di emergere con forza, per poter castigare, reprimere e se possibile far sparire il diverso di turno.

Mi piacerebbe sentire anche una sola parola di biasimo, di preoccupazione, di solidarietà verso i Rom e i rumeni, da parte di questi dirigenti della sinistra resi afoni e improvvisamente accomodanti dalla batosta elettorale. Mi piacerebbe sentirli dire che magari la sicurezza non è né di destra né di sinistra, ma il rispetto per il diverso da te, la cura dei diritti umani fondamentali, la solidarietà e la compassione, quelle sì sono di sinistra e non di destra.




Ma dubito che li sentiremo dichiarare cose diverse da quelle dettate dal solito teatrino, intenti come sono a immaginare riforme istituzionali condivise e a scandalizzarsi a sproposito per qualche cretinata detta da Travaglio.

Spero che, almeno, i miei amici di Sinistra per Israele, per loro ben pratica esperienza in queste faccende, sappiano dire una parola.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Zingari Rom Sinistra Ebrei Sicurezza Paura

permalink | inviato da corradoinblog il 14/5/2008 alle 23:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa


9 maggio 2008

La repressione è un onore

Mi hanno chiesto cosa ne penso di questa intervista al sindaco di Salerno. Ecco qua.

Cosa ne penso?
De Luca dice cose perfino apparentemente ovvie, non ci sarebbe niente di male a organizzare vigilanza volontaria - i nostri nonni di "Noi abbiamo l'età giusta" davanti alle scuole non sono lo stesso? Ma si lascia sfuggire l'esempio dell'inevitabile rumeno proprio quando dice che non bisogna fare sociologismi. Allora, se la responsabilità penale è personale e la repressione deve rivolgersi al crimine, il rumeno non c'entra un tubo. C'entra il criminale, rumeno, italiano o salernitano che sia. Se no, stai facendo il razzista. Punto.

E quindi, ne penso che se dobbiamo fare la parte della destra repressiva non vale la pena di esistere come sinistra. Facciamo governare loro che sono più bravi nel ramo. Ne penso che con la politica della paura si vincono le elezioni, e si continueranno a vincere a lungo, perché i poveri hanno paura e votano a destra. Ne penso che è inutile angosciarsi, é molto meglio occuparsi d'altro. Perché con la paura e il protezionismo e la politica della chiusura e della repressione, questo paese sfiduciato e imbelle si trova e si troverà benissimo, fino a  quando a forza di erigere muri si ritroverà una schifezza inutile e vecchia o, nella migliore delle ipotesi, un bel museo a cielo aperto per ricchi turisti cinesi e indiani.

Come me mi sembra la pensino questi due, molto più in gamba del sottoscritto. Leggeteli:

http://www.gadlerner.it/index.php/2008/05/05/verona-non-solo-skinheads.html

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/grubrica.asp?ID_blog=40&ID_articolo=106&ID_sezione=55&sezione=

http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/editoriali/grubrica.asp?ID_blog=40&ID_articolo=105&ID_sezione=55&sezione=Analisi

*******

E con questo vi saluto e sospendo interventi ed attività politica. Buon lavoro a chi continua. Qui, almeno per un po', troverete tutto, meno che politica.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sicurezza Paura Italia Declino Mura Salerno

permalink | inviato da corradoinblog il 9/5/2008 alle 17:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


28 aprile 2008

Da leggere con attenzione

... sperando che non sia una triste profezia: qui.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Barbara Spinelli Sicurezza Paura

permalink | inviato da corradoinblog il 28/4/2008 alle 13:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA