.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


12 ottobre 2008

Cassandre felici (e liberisti terrorizzati)


Non riescono a dirlo in modo esplicito, perché si rendono conto che sarebbe per lo meno di cattivo gusto, ma lo si legge tra le righe dei loro commenti. Le cassandre che, da almeno 3 anni vanno vaticinando la fine della crescita infinita, il picco del petrolio, la bolla immobiliare e la bolla finanziaria, sono gonfie di soddisfazione per le previsioni azzeccate. Noi l'avevamo detto, ci dicono ora, e peggio per voi che non ci avete ascoltato per tempo.

Dall'altra parte, i liberisti, di ogni declinazione e scuola, sono letteralmente terrorizzati, e oscillano fra un panico che li porta a domandare improvvisamente  più stato, e improbabili e ostinate opere da pompieri che negano l'evidenza nel disperato tentativo di "ridare fiducia ai mercati", o che minimizzano con la metafora della "distruzione creatrice".
Però, lo stato che chiedono costoro è quello ben descritto da Ilvo Diamanti, non lo stato sociale o investitore, ma lo stato salvatore del privato. E la fiducia che raccontano è una pia illusione se non sorretta da qualcosa di più credibile del ritorno allo stato salvatore del privato.



*****
Forse, quindi, sarà bene chiedersi cosa hanno da proporci, come ricette per uscire dalla crisi, le cassandre felici. Essenzialmente, due cose (taglio con l'accetta, perdonatemi):
  1. la ricetta della decrescita, ossia un mondo più povero di beni materiali ma, si suppone, più felice, e molto meno globalizzato e molto più centrato sulle economie e le comunità locali;
  2. la ricetta della sfida della nuova energia: se il motivo di fondo della crisi non è nella bolla finanziaria, ma nell'economia reale in radicale crisi energetica, per uscirne occorre che lo stato, piuttosto che investire in salvataggi di banche, investa nelle infrastrutture che hanno una ricaduta sui consumi energetici e le risorse:
The only choice remaining for policy makers is whether to shift all of our collective societal efforts toward building new infrastructure for the low-energy future, or to try vainly just to prop up the credit markets, losing what will probably be the last opportunity to salvage industrial economies.

*****
Nei commenti più consapevoli degli economisti e degli esperti di sinistra, vedo una discreta consapevolezza dei motivi di fondo della crisi, ma vedo meno capacità prospettica.
Ad esempio, Stefano Fassina descrive in modo assai felice la dinamica della crisi:
E Giancarlo Bruno è pure assai bravo a descrivere la situazione:

Però, il primo si limita a proporre tre utili soluzioni di breve periodo (aiuti alle PMI, riduzione temporanea delle aliquote sui redditi dei dipendenti, agganciare i mutui a tasso variabile ai tassi BCE e non più all'Euribor). Il secondo, si esercita in un discorso affascinante ma un po' fumoso su una nuova governance mondiale che, oltre che multilaterale, sembra puntare su un nuovo ruolo delle ONG, della società civile, di autorità non governative.

Quel che manca è una visione e un disgeno di lungo periodo, come quello invece offerto dalle ricette delle cassandre.

Per mio conto, credo che nella situazione attuale la seconda ricetta sopra ricordata sia davvero l'unica strada possibile per evitare di seguire sogni pseudo-medioevali o, al contrario, di ostinarsi in un business as usual che potrà solo portarci al distastro. E' una ricetta che va compresa bene, perché non si tratta di un semplice appello ad un nuovo new deal, ma di qualcosa di qualitativamente diverso: partendo dalla constatazione che la crisi è di fondo crisi energetica, si individua un percorso preciso da seguire, l'investimento selettivo degli stati nella progettazione di un nuovo mondo basato sul basso consumo di energia. Esattamente il contrario di quanto in modo tragicamente miope stanno già chiedendo gli industriali italiani e tedeschi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. energia crisi futuro cassandra

permalink | inviato da corradoinblog il 12/10/2008 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA