.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


5 marzo 2011

Idee ricevute

Siamo assaliti da idee ricevute. Parole e concetti che sentiamo ripetere da tutti come verità, come dati di fatto. E che sembrano anche a noi, anche per quelli con le migliori intenzioni, anche per molte delle persone che stimo, verità e dati di fatto.


E invece bisogna riflettere, sorvegliarsi, chiedersi sempre se non ci sia un altro modo di pensarle, queste idee e queste parole.


Competitività. Davvero è una parola giusta? Davvero il problema dell’Italia è essere più competitiva? Competere vuol dire partecipare ad una gara nella quale, per definizione, qualcuno vince e qualcuno perde. L’Italia diventa più competitiva e vince. E qualcun altro perde, e sta peggio e vive male. Una impresa e i suoi dipendenti diventano più competitivi e vincono. E un’altra impresa fallisce....


Dietro l’idea di competitività c’è un non detto da selezione darwiniana del più forte, che è proprio il contrario degli obiettivi di sinistra della solidarietà e dell’uguaglianza. sarebbe molto meglio sorvegliarci, quando ossessivamente richiamiamo questa parola come parola buona, magari associandola ai mitici investimenti in ricerca ed innovazione. Diranno che essere competitivi significa migliorare il contesto, diranno che la gara alla competitività apre nuovi spazi - insomma, non è un processo a somma zero. Ma allora perché non utilizzare i termini giusti e corretti per dire questa cosa? Perché non abolire dal nostro vocabolario la sospetta “competitività” e parlare di produttività e di efficienza? E soprattutto, perché non ricordare che produttività ed efficienza quasi sempre non richiedono competizione feroce, ma al contrario collaborazione e lavoro comune?

Crescita. L’incapacità di questa parola di dar conto della sua ambivalenza è pericolosissima. La crescita di una persona, di una pianta, di un animale è per noi associata a un processo positivo. Eppure ogni crescita finisce fatalmente con una morte. E la crescita, per dire, dell’inquinamento dell’aria non è una cosa buona. Ormai perfino nell’economia mainstream si ammette che la misura del PIL è una misura parziale e forse addirittura menzognera. Perché il PIL dà valore positivo a cose come gli incidenti stradali e i loro costi, la spesa per la salute - che cresce perché crescono le malattie... Ma noi non riusciamo a uscirne, perché alla fine ci diciamo - ci hanno detto e ridetto, fino a non riuscire a immaginare una diversa visione - che comunque se questa benedetta torta di soldi non cresce, non ci sarà abbastanza da spartire e, quindi, nemmeno i nostri begli e buoni obiettivi sociali potranno essere perseguiti.


Eppure, dato che la crescita infinita non esiste, e il secondo principio della termodinamica è lì ben fermo a ricordarcelo, dovremmo provare a cambiare approccio e parola. Niente decrescita, idea specularmente deprimente. Piuttosto, crescita positiva e crescita negativa - q uest’ultima da combattere impedendo il debordare degli agenti della crescita - il consumo per il consumo, l’ossessione dell’acquisizione privata di beni.

Meglio parlare, pensare, sperare nello sviluppo umano.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. crescita competitività

permalink | inviato da corradoinblog il 5/3/2011 alle 19:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA