.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


13 settembre 2010

Riformismo radicale?

Quando Veltroni era in auge, parlava spesso di riformismo radicale. Poi non è andata affatto come lui ipotizzava. Ieri ho sentito Bersani fare alcuni esempi felici di riformismo all’emiliana, pragmatico e sensato, come la circostanziata proposta di riforma del fisco, o gli impegni sul costo della politica.

Però, l’impressione è che a questo Paese serva qualcosa di più e di diverso sia dal riformismo radicale solo declamato di Veltroni, sia dal riformismo pragmatico e certamente utile, ma che non entusiasma, del buon Bersani. E, aggiungo, qualcosa di diverso pure dalle per ora fumose “narrazioni” di Vendola.


Ecco, per non restare nel vago, due esempi, uno nazionale e l’altro locale.



La riforma della scuola: invece di continuare inutilmente a stigmatizzare l’esplodere della precarietà e del numero di alunni per classe, sarebbe ora di proporre qualcosa di davvero diverso dal solito. Se l’ingessatura della scuola e della gestione del suo personale è dovuta in gran parte a un centralismo paradossale, sarebbe ora di cambiare il modello, spostando la gestione - tutta, dall’assunzione del personale alla gestione degli edifici - ai comuni o a consorzi di comuni. Come si fa in Finlandia, dove pare la cosa funzioni assai bene. E se non ci sono arredi e scuole belle, si faccia in modo che le scuole - comunali - diventino necessariamente un luogo sempre aperto, giorno e sera, per gli alunni ma anche per gli adulti, dove si fanno corsi, incontri, musica o quel che volete. E che sia possibile tassare più o meno blandamente queste attività, per finanziare arredi e scuole belle. E per le scuole tecniche si obblighino le famose “imprese del territorio”, più che ad entrare nei consigli di gestione delle scuole (anche, perché no, se con giudizio), a contribuire un po’ al finanziamento.




Il prossimo candidato sindaco del comune di Roma: dovrebbe dichiarare un programma semplice e nettissimo. Oltre all’ordinaria amministrazione con particolare attenzione all’assistenza sociale e alle aree dell’emarginazione, l’obiettivo dichiarato dovrebbe essere uno solo: dotare Roma e in particolare le periferie di una rete di trasporti davvero degna di questo nome. Il che significa che il candidato sindaco dovrebbe impegnarsi a quanto segue: (a) imporre una moratoria dell’espansione urbana - ogni metro quadro nuovo dovrebbe essere costruito senza allargare Roma, e ad ogni metro qaudro costruito dovrebbe corrispondere un metro quadro abbattuto da qualche altra parte, perché Roma deve smettere di crescere in estensione (in altezza, senza esagerare, è cosa diversa) (b) realizzare una rete di tram su sede propria in tutte le periferie, con i capolinea in corrispondenza delle metropolitane e dei treni urbani (c) rifare tutto l’arredo urbano di tutta la città facendo scomparire ogni marciapiede asfaltato - i marciapiedi si lastricano a piastrelle, come in tutte le città civili, ogni cartellone abusivo, ogni segnaletica verticale folle ed inutile, ogni cassonetto - la raccolta si fa porta a porta o comunque casa per casa senza cassonetti per strada, salvo al massimo quelli per vetro - e aggiungendo una pista ciclabile ovunque possibile (ed è possibile quasi ovunque, basta volerlo) (d) dichiarare sinceramente che per fare tutto questo il numero di macchine a Roma deve diminuire - gradatamente, certo - e devono diminuire le auto parcheggiate (e) dichiarare, altrettanto sinceramente, che per finanziare tutta l’operazione occorrerà tassare maggiormente il possesso dell’auto, sia come possesso in se, sia con la sosta tariffata.


Sogni? Sogni. Però, sono convinto che continuare con questo riformismo a metà, oppure con sogni “narrativi” mai concreti, mai visibili, non crea consenso, ma noia.


(La prima immagine, quella della scuola finlandese, l’ho trovata sul web. La seconda è una mia foto a Monaco di Baviera, al capolinea del tram 23).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sogni scuole tram

permalink | inviato da corradoinblog il 13/9/2010 alle 22:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


13 novembre 2008

Sogno

Sto lavorando al bilancio partecipativo del IX Municipio. Fra qualche giorno, finita la fase iniziale, racconterò cosa è successo e farò alcune riflessioni. Intanto, ecco un sogno che difficilmente sarà realizzato. Almeno fino a che l'amore dei romani per le auto non si scontrerà con la vera fine del petrolio...


Visualizzazione ingrandita della mappa


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Piste ciclabili IX Municipio Sogni

permalink | inviato da corradoinblog il 13/11/2008 alle 12:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


26 marzo 2008

Le cose a cui tengo. Risparmiare energia

Vorrei che il IX Municipio diventasse un esempio concreto di come sia possibile, anche in una città già costruita e consolidata, fare qualcosa per il risparmio energetico, per combattere il cambiamento climatico e l’inquinamento.

Prima di tutto, è possibile e necessario realizzare la trasformazione energetica di tutti gli edifici pubblici del Municipio (le scuole, la sede del Municipio ed altro), con l’installazione di pannelli solari fotovoltaici e termici e opere di coibentazione.

E poi, è possibile aiutare i singoli condomini, soprattutto quelli col miglior rapporto fra cubatura e superficie scoperta, a installare pannelli solari e a realizzare opere di miglioramento della resa termica, affidando la realizzazione delle opere a società ESCO che finanzino l’intervento. Tempo fa avevo scritto questa proposta. Vi invito a rileggerla, perché credo tuttora che si possa fare qualcosa del genere, un tentativo di attivare i condomini a fare qualcosa per l'ambiente e per se stessi.

Vorrei anche che il Municipio dimostrasse coraggio nel fidarsi delle nuove tecnologie ambientali. Ad esempio, mi piacerebbe che gli edifici pubblici, e le pavimentazioni stradali da rifare, fossero verniciati utilizzando coperture al titanio con caratteristiche catalitiche, in grado di abbattere il livello di polveri sottili nell’aria. E che si dessero contributi o premi ai condomini che adottassero la stessa tecnica quando devono realizzare una ristrutturazione.
Si potrebbero anche sperimentare tecnologie quali le aree asfaltate a scambio di energia (in pratica, sotto l'asfalto, che è un ottimo assorbente termico, attraverso pannelli si scalda acqua per uso termico).
E, ancora, sarebbe bello migliorare il microclima estivo riducendo le zone asfaltate: in alcune zone, i parcheggi a spina o in linea delle nostre strade potrebbero essere messi a prato con copertura a rete plastica: più traspirazione del terreno, meno calore.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. IX Municipio Energia Sogni

permalink | inviato da corradoinblog il 26/3/2008 alle 21:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto        ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA