.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


28 febbraio 2014

Il fattore tempo



Ricapitolo.

Verso l’inizio di dicembre viene pubblicato il documento generale sul PGTU di Roma. Sebbene aperto alla discussione, ci sono ovviamente aspetti già ben indirizzati, ad esempio l’idea di rivedere radicalmente l’attuale modello di sosta a pagamento abolendo le assurde strisce bianche a orario ed estendendo decisamente la tariffazione.

Parte una stentata discussione (ad esempio, il III Municipio indice riunioni con la cittadinanza, il VII come al solito è non pervenuto, immagino troppo preso nel litigare fra la presidente Fantino accusata di autocrazia e i consiglieri PD, mediamente traffichini e incapaci come non mai).

Intanto, il tempo passa e in tutto il mio quartiere hanno riverniciato tutte le strisce blu e bianche. Ovviamente esattamente identiche al modello Alemanno, perché nessuno ha attuato o provato ad anticipare nemmeno un pezzettino del bellissimo (?) piano dei sogni PGTU.  

Intanto, gli eterni lavori sullo square centrale della Tiburtina sembrano vicini alla fine, e da quel che mi è sembrato di vedere oggi (spero ancora di sbagliarmi), sembra ci abbiano ricavato l’ennesimo millesimo parcheggio al posto della preesistente corsia riservata ai bus.

Sono un po’ più di otto mesi che la giunta Marino è in carica. Quanto tempo pensano di metterci per rendere visibile ai cittadino non dico una rivoluzione del trasporto pubblico e della viabilità a Roma, ma almeno qualche piccolo, piccolo segnale?



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Segnali Roma Traffico Viabilità Tempo

permalink | inviato da corradoinblog il 28/2/2014 alle 8:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


15 dicembre 2008

Posso avere un dubbio amletico?

Oggi Brunetta inanella tutti i luoghi comuni della sinistra riformista per dare addosso al PD e al sindacato riguardo l'età pensionabile delle donne. Ogni argomento che esprime nella sua intervista mi trova perfettamente d'accordo, se uso quella che mi è capitato di chiamare "razionalità limitata" degli economisti. Come non essere d'accordo quando dice che spendiamo troppo per le pensioni e troppo poco per il lavoro, troppo per la cassa integrazione e troppo poco per il sussidio di disoccupazione? Come non concordare sull'osservazione che il calcolo della pensione svantaggia chi esce prima e, quindi, l'uscita precoce delle donne può essere una ulteriore discriminazione? Certo, ha perfettamente ragione anche Laura Pennacchi che oggi, in un'intervista su Sky, notava che l'età pensionabile più bassa per le donne è certo un portato del passato ma è, sopratutto, un risarcimento per una palese iniquità di trattamento lungo tutto il corso della vita, e che ricordava a Brunetta che la flessibilità in uscita, con progressivo raggiungimento della parità di trattamento uomo donna, era prevista nella originaria riforma Dini, ed è stata eliminata proprio dal precedente governo Berlusconi (lo scalone di Maroni...). E che il problema di fondo sono i tassi di attività femminili troppo bassi in Italia. Dal che si dovrebbe dedurre che bisogna partire dalla testa (l'incentivo al lavoro, appunto) e non dalla coda per ridurre la discriminazione sessista.



Eppure, mi viene il dubbio che queste due posizioni opposte siano comunque rinchiuse in un cerchio, come dicevo prima, di razionalità ristretta, ancora legata al nostro modello produttivista e lavorista. Un modello nel quale ciò che conta è mettere al lavoro - lavoro sul mercato, regolato da transazioni monetarie - più persone possibile, allo scopo di produrre maggior reddito da distribuire (se si è di sinistra) o più profitti da accumulare (se si è di destra).
Insomma, il dubbio che mi viene, in questi tempi di crisi energetica ecologica e finanziaria, è se la soluzione di trasformare ogni servizio alla persona in servizio erogabile potenzialmente dal mercato, al fine apparentemente nobile di aiutare le famiglie e le donne che lavorano, non sia in realtà una maledetta trappola. Nella società urbana, nella quale giustissimamente donne e uomini devono avere le stesse opportunità di lavoro e realizzazione, non esistono più reti di solidarietà informale e, sopratutto, non esiste più abbastanza tempo disponibile, perché la grande maggioranza del tempo è mangiata dal lavoro o da attività apparentemente non lavorative e però connesse strettamente al lavoro - consumare, spostarsi. E così, l'unica soluzione è comprare servizi - baby sitting, badanti, asili nido... - fuori. Nella versione socialdemocratica, ciò si traduce nella organizzazione collettiva di servizi alla persona, gestiti al di fuori dal mercato. Ma nella versione che si è sempre più affermata in questi ultimi anni, con la vittoria del pensiero unico liberista e della convinzione ideologica della superiorità del mercato, ciò si traduce nell'acquisto di servizi sul mercato, e nella trasformazione in mercato di ulteriori spazi di vita nei quali, prima, vigevano relazioni non mercantili.

E tutto questo a quale preciso scopo? Al preciso scopo di generare più tempo per una insensata produzione di un eccesso di oggetti inutili che mettono a repentaglio la stabilità del pianeta e che nessuno più riesce nemmeno a comprare, tanto che viviamo l'ennesima, ricorrente crisi di sovraproduzione...

Forse, fermare un attimo questa corsa del topo e ritornare a parlare un poco - solo un poco, con molta moderazione riformista, per carità - di riduzione dell'orario di lavoro, di ripartizione del lavoro, non sarebbe così insensato.
__________
Ho illustrato il post con l'immagine di un libro di Lauzier, che ci ha lasciato da poco. Un genio cattivo del fumetto, forse di destra forse no. Uno, comunque, che la corsa del topo l'ha raccontata benissimo una trentina di anni fa.

sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA