.
Annunci online

corradoinblog
appunti sicuramente utili a me, a volte anche agli altri,


Home


28 ottobre 2005

Oreste del Buono - Niente per amore - Feltrinelli, 1962

Recentemente, abbiamo avuto due lasciti di vecchi libri, prevalentemente in inglese. Per l'ennesima volta, lo spazio in casa è finito, e questi vecchi libri profumati di muffa cartaria si sovrappongono ai precedenti. Per l'ennesima volta, è difficile buttare qualcosa di questi recuperi, di questi libri che i proprietari, per un motivo o per l'altro, avrebbero mandato al macero.

La funzionaria della FAO da cui proviene l'ultimo lascito deve avere gusti eclettici ma sicuri. Fra i suoi libri, ecco comparire un'operina teatrale di OdB – per me, prima di tutto, lo storico direttore di Linus ma, anche, l'autore di un romanzo fondamentale per la mia formazione giovanile (Oreste del Buono, I peggiori anni della nostra vita, Einaudi).



Mi sono buttato nella lettura con voracità, attirato da copertina e sovracopertina, la prima elegantissima elaborata dal mito della grafica anni '50 e '60 (Albe Steiner), la seconda affascinante foto in bianco e nero di Valeria Moriconi, interprete a teatro delle due parti femminili, Sandra e Valeria.

Una storia cattivissima, dolente e spietata, che trasuda primi anni '60 e s'ispira nemmeno troppo di nascosto al rapporto fra Antonioni e Monica Vitti, raccontando l'ambigua moralità e i compromessi di chi cerca la carriera e il successo ma vorrebbe mantenere alti ideali. Inoltre, un meccanismo narrativo che duplica, nel soggetto cinematografico attorno a cui ruota la trama, e nella duplice parte svolta dalla stessa attrice, il nucleo narrativo sentimentale: niente per amore, appunto. Nessuno fa niente per amore, e le donne, agli occhi di un uomo che la pensa così per imposto cinismo, sono tutte la stessa donna.



A leggere adesso una simile opera minore di un autore minore (per quanto sia affezionato a OdB, il suo lato migliore è stato sempre quello di organizzatore culturale e direttore, non quello di scrittore) ho provato insieme soddisfazione e stupore. Soddisfazione di aver scovato nelle pieghe del caso qualcosa di comunque prezioso e certamente scomparso. Come se avessi partecipato ad una fortunata ricerca archeologica. Stupore, sia perché davvero certe cose e certi temi sono eterni e di lunga durata, sia perché, al tempo stesso, il tempo passa in fretta e cambia davvero tutto: l'insieme di vecchio e di nuovo in questo testo è davvero inestricabile...




permalink | inviato da il 28/10/2005 alle 9:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Educazione civica
Le BeDe!
Cultura d'impresa?
Libri
Heimat e..
Europa
Tecniche
Sommari
Sion
Marx
Politiche
IX Municipio
Pillole

VAI A VEDERE

iMille, il blog dove scrivo le cose migliori
Musica e Memoria
Coordinamento Roma Ciclabile
Movimentofisso
Sul 77
Per non dimenticare
La mia sezione PD!
TSF Jazz Francia
Amici di Radio 3
Una comunità dell'Ulivo
Vecchie cose: Un isolato da 1,5Kw
Vecchie cose: manutenzione ambientale
Vecchie cose: Wikimille
Vecchie cose: Emenda il Manifesto del PD



Questo blog è on line dal 26 agosto 2004

Credits per la testatina: Vittorio Giardino, Igort, Lorenzo Mattotti


SE VUOI SCRIVERMI:
truffi.pd9[at]gmail.com


In lettura in questi giorni:
Dalla mia libreria:


Qualche pensiero a cui tengo:
Il consenso e le tasse
La politica della coda lunga
Lizzy
Fiaccole
Sion
Jazz o barocco?
Prioritarie 2006
Niente per amore

Orgoglio di padre 2
Titoli, sottotitoli e articoli
Zio Guido
Israele a Londra>
Orgoglio di padre

Licenza Creative Commons
I testi del blog sono sotto una Licenza Creative Commons
.

CERCA