Blog: http://corradoinblog.ilcannocchiale.it

La retorica dei 5 minuti

Mi appresto ad andare a Firenze per l’incontro detto dei “rottamatori” e che vorrei diventasse quello dei “ricompattatori”. Ho visto che gli organizzatori hanno voluto adottare la tecnica degli interventi limitati a rigorosi 5 minuti, copiando quanto già fatto, nella recente storia del PD, da iMille, all’epoca di “Uccidere il padre”.

Quella tecnica è certamente utile ed efficace in molti casi e, sicuramente, lo è a Firenze dove lo scopo evidente è “far parlare i militanti scontenti”, e quindi quanti più interventi ci sono, meglio sarà.

Però, sarebbe anche il caso di non inaugurare una retorica dei 5 minuti, una retorica per la quale, pur di far parlare sempre tutti - e tutti comunque mai non sono - si abolisce sempre e comunque la possibilità di approfondimento, di riflessione, di dettaglio. Ogni tanto servono le relazioni non dico di due ore, ma almeno di 30 minuti. Ogni tanto servono i ponderosi documenti di analisi e proposta, e non solo i 5 punti programmatici scritti in mezza paginetta. Ogni tanto serve studiare. Ogni tanto, serve resistere ad una deriva populistica che rischia di sostituire anche fra di noi il diritto della gente a blaterare a casaccio, con quello della genete a partecipare e riflettere con cognizione di causa. E a delegare quando serve.


L’immagine dello Speaker’s corner è tratta da qui.

Pubblicato il 5/11/2010 alle 11.2 nella rubrica Pillole.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web