Blog: http://corradoinblog.ilcannocchiale.it

Numeri, fatti e mantra

Mantra numero uno: il consenso per Berlusconi non scende, qualunque cosa accada dal lato dei suoi guai giudiziari e sessuali.

Mantra numero due: l’opposizione è debole perché il PD non ha un programma e non parla dei problemi del paese ma si fa trascinare solo dall’antiberlusconismo giustizialista.



Oggi ho dato un’occhiata al sito che raccoglie i sondaggi politico elettorali. Ovviamente non ci sono dati univoci e facilmente interpretabili, ma una tendenza alla riduzione dei voti al centrodestra mi sembra evidente, ed anche evidente mi sembra la sia pur lenta riduzione della credibilità di Berlusconi (peraltro, non mi fido molto dei sondaggi sulla “fiducia e popolarità” dei leader, che in genere finiscono per tracciare quasi solo il fatto che chi risponde ha sentito nominare un certo politico. Ma questo è un altro discorso).

Mi ha colpito in particolare questo sondaggio di Piepoli del 2 febbraio. La risposta alla domanda “Qualora si andasse a elezioni anticipate quale delle seguenti coalizioni Lei preferirebbe che vincesse per il bene del Paese?” la risposta è 44% centro sinistra e 42% centrodestra. Alla domanda “Quale delle seguenti coalizioni vincerebbe secondo Lei se si andasse alle elezioni anticipate?” la risposta è 60% centrodestra e 31% centrosinistra. Una plastica dimostrazione che a forza di ripetere che Berlsuconi non perde consensi e che se si vota adesso il centro destra vince, il mantra agisce e la profezia si avvera.


Ieri Bersani ha presentato 41 iniziative di liberalizzazione (e molte sono già proposte di legge depositate). Le ultime tre assemblee del PD hanno licenziato un programma sostanzialmente completo su tutti i principali problemi del paese, con idee spesso assai innovative. Ovviamente si può discutere sul merito di quelle proposte (come ho fatto ad esempio qui), ma il mantra dice che il PD non ha proposte e programma, e quindi tutto ciò deve essere occultato. Per fare in modo che i nostri pigri commentatori politici più o meno terzisti possano continuare a dire che l’opposizione non c’è e non è credibile. Come sempre, profezie che si autoadempiono.

Pubblicato il 10/2/2011 alle 10.30 nella rubrica Politiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web