Blog: http://corradoinblog.ilcannocchiale.it

Spocchia

Ovviamente il fatto che il Giornale e Libero sparino ad alzo zero contro l’8 marzo “strumentalizzato” in chiave anti Berlusconi è irrilevante. Piùsottile, perché coglie uno spocchioso sentimento che aleggia anche nella sinistra liberal con la quale spesso mi accompagno, è il ragionare alla Filippo Facci, secondo il quale le manifestazioni (il 13 febbraio, l’8 marzo, il 12marzo, il 17 marzo....) sarebbero un facile autossolversi, parate autoreferenziali al massimo utili a dar lavoro ai giornalisti.

Quindi: se l’opposizione non scende in piazza, non manifesta, non si oppone“nel paese e in parlamento”, è un’opposizione imbelle e inutile e politicamente irrilevante.

Però se trova forza e voglia di scendere in piazza, se prova a modificare con la mobilitazione i rapporti di forza, a bucare il video e modificare almeno un po’ l’agenda politica del paese, allora è autoreferenziale ed è la solita accozzaglia radical chic che scende in piazza.

 ******

Sommessamente, vorrei ricordare a tutti che le conquiste del secolo passato sono tutte frutto di mobilitazioni di massa, di momenti nei quali le persone si sono trovate e ritrovate, hanno detto la loro. Sommessamente, oso perfino ricordare l’Egitto e la Tunisia odierne.

Poi, certo, non tutte le manifestazioni hanno la stessa portata e lo stesso senso. poi, certo, i movimenti si stancano, la fatica affiora, le divisioni emergono.

Però, per favore, se a destra usano questi argomenti è perché devono attaccarsi a qualcosa per nascondere la loro paura. E quindi, a sinistra, meno spocchia.

Pubblicato il 8/3/2011 alle 14.58 nella rubrica Politiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web