Blog: http://corradoinblog.ilcannocchiale.it

Muoia Atene con tutta l'Europa

Ho pensato che se fossi il primo ministro greco, a questo punto deciderei di sfasciare l'Euro e l'Europa.



La Grecia, distrutta dalla crisi mondiale e dai trucchi contabili del suo governo di destra, è oggi sotto ricatto. La ricetta che gli si propone è tagli, lacrime e sangue e svendita del patrimonio pubblico ai privati (ossia agli stranieri). Di fatto senza alcuna garanzia che alla fine ci possa essere qualche ripresa. Alla fine, ci sarà solo più povertà, più disoccupazione, e ancor meno controllo della politica sull'economia.
E allora mi sono chiesto. Ma è proprio vero che il governo greco non può che accettare il ricatto? E ho pensato che potrebbe tranquillamente ricattare a sua volta. Disastro per disatro, sarei proprio curioso di vedere cosa direbbero i Trichet, i Bini Smaghi e i Draghi se il governo greco decidesse unilateralmente di uscire dall'Euro e di dire, tranquillamente, che ristruttura d'imperio il proprio debito e ricomincia a stampare dracme. Disastro in Grecia, ma anche disatro in Europa, contagio in Portogallo, Spagna, Italia....

Poi ho pensato che è davvero idiota la pervicacia con la quale i padroni dell'economia europea, e i governi di destra che li rappresentano, continuano a perseguire la medesima ricetta qualunque cosa accada. Se il sistema finanziario va a fondo, bisogna salvarlo perché le banche sono "troppo grosse per fallire". Ma se il sistema pubblico, lo stato sociale, la vita della gente vanno a fondo, che si arrangino, che facciano sacrifici. Invece, si sa, i bonus per i banchieri e i manager servono perché altrimenti il merito non è premiato.... Ma ho pensato anche che è inutile prendersela con la miseria morale di questo modo di pensare. E' l'idea pseudo-razionale che c'è sotto a questa miseria morale che va messa in discussione.

A questo punto, pensandoci meglio, ho riflettuto sul fatto che - come spesso accade - ci sono due modi per uscire da questo pantano. In avanti o indietro. Verso gli Stati Uniti d'Europa, con un governo unico dell'economia e non solo, o verso l'irrilevanza perdente del vecchio continente delle nazioni, cui ci stanno portando a rapida velocità gli egoismi dei governi nazionali.

E mi sono accorto che le idee e gli strumenti per uscirne in avanti ci sono tutti, sono stati ampiamente discussi ed elaborati, dalla proposta dell'agenzia europea per il debito, che vuol dire spostare parte del debito pubblico accumulato dall'inizio dalla crisi in un fondo europeo e non più nazionale, e su tale base fondare l'emissione degli eurobond, a quelle proprio in questi giorni ribadite dal PD, come l'idea di eurobond per il lavoro e quella della tassazione delle transazioni finanziarie. Si può discutere nel dettaglio di queste soluzioni, vederne i problemi e i limiti ma, comunque sia, si tratta complessivamente di un solido punto di partenza che nasce da un presupposto di base: la politica deve tornare a governare, l'economia è strumento, non padrone del nostro mondo.

La questione è, però, che queste proposte non hanno credibilità se sono fatte a livello nazionale, non hanno voce in un'Europa governata da governi di destra e da due governi di sinistra sotto ricatto (Grecia e Spagna). E allora mi viene da chiedermi cosa aspetta la sinistra europea per provare a parlare con una sola voce. E mi chiedo per quale motivo Bersani, se ha davvero capito che il cappio al collo che il governo ci sta confezionando è un cappio al collo europeo, non si occupa solo di proporre le sue idee di riforma ai socialisti europei, invece di perdere tempo a polemizzare con Vendola o di pendere dalle labbra del Bossi di Pontida.
Perché mi sembra che la possibilità di uscire dal pantano sia appesa al filo di una grande mobilitazione politica unitaria di tutti i partiti progressisti europei. Che, proprio perché ahimé non sono al governo, possono però provare a smuovere le acque. Se solo la smettessero di guardare al proprio ombelico nazionale.

Oppure i riformisti europei perferiscono che gli indignati di ogni nazione, privi di sponda e sbocchi credibili, non trovino di meglio che accusare di tutti i malanni Europa ed Euro?

Pubblicato il 20/6/2011 alle 9.42 nella rubrica Europa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web