Blog: http://corradoinblog.ilcannocchiale.it

Israele a Londra?

Chi mi legge sa quanto io abbia un’alta considerazione per Beppe Caravita. Una mente libera, uno capace di indagare e proporre punti di vista originali, uno strano cattolico radicale, e un ulivista della prima ora.

In particolare, le sue indagini attorno al terrorismo e al petrolio, i link che ci ha messo a disposizione dal suo blog sono stati un punto fondamentale per me, per capire “cosa c’è sotto”.

Proprio per questo voglio qui segnalare come, nel mare delle informazioni interessanti che si trovano sul web (e che Beppe è maestro a rintracciare), il buon Beppe abbia finito per linkare qualcosa di quanto meno opinabile: la solita, ennesima litania sui servizi segreti israeliani.

E’ infatti sistematico: ogni volta che c’è un attentato islamico di qualche rilevanza, potete star sicuri che una qualche fonte ben informata ci dirà:

nella versione più becera, che “non c’erano ebrei sul luogo dell’attentato perché il Mossad li aveva avvertiti tutti” (questa è la storia che è girata in tutto il mondo arabo dopo l’11 settembre);

nella versione più raffinata, che “il Mossad aveva informazioni di prima mano e le ha passate a chi di dovere, che non ci ha creduto, quindi a fatti avvenuti il Mossad nega di sapere…” o che  AlQaeda è infiltrata dal Mossad, ecc., ecc.

Ora, io non escludo affatto che i servizi segreti israeliani siano ben presenti ed attenti nelle faccende del terrorismo arabo (e vorrei pur vedere!!). Quello che è davvero stupefacente, è come ci sia sempre qualcuno che faccia di Israele la spiegazione e la giustificazione di tutto ciò che di torbido succede nel mondo.

Pubblicato il 13/7/2005 alle 13.47 nella rubrica Sion.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web